Cambio format per la Basketball Champions League?

La Fiba sta valutando un eventuale cambio di format per la Basketball Champions League a seguito della situazione epidemiologica in Europa

Basketball Champions League logo. Fonte: Facebook Basketball Champions League

Come riportato da Emiliano Carchia di ‘Sportando’, la Fiba starebbe pensando ad un cambio di format per la prossima Champions League. Le modifiche riguarderebbero esclusivamente la prima fase della competizione, con il mutamento che riguarderebbe solo i gironi iniziali. Si passerebbe, infatti, da quattro gironi formati da otto squadre a otto gironi formati da quattro squadre. “Un’inversione” che ridurrebbe le partite garantite per ogni singolo club da 14 a 6. Nulla di certo ancora, con tale ipotesi che sarà discussa nei prossimi giorni. In caso di approvazione, però, la Fiba si vedrebbe costretta a riorganizzare un’altra competizione, dopo il rinvio della Fiba Europe Cup a gennaio.

Emilano Carchia commenta la situazione nella BCL

Una cosa è certa, una decisione del genere si sarebbe dovuta discutere prima. La Champions League, infatti, partirà il prossimo 13 Ottobre. I gironi sono già stati sorteggiati e andranno aggiunte solamente le ultime squadre che usciranno dai preliminari. A 20 giorni dall’inizio della competizione, quindi, i club non hanno certezze su chi saranno i loro avversari, se dovranno affrontare sette trasferte o solamente tre. In un momento delicato come quello che stiamo vivendo, motivo per il quale si è optato per questo potenziale cambio, la tempestività diventa fondamentale per due motivi, uno economico ed uno di salute.

Molte squadre hanno dovuto far conto a riduzioni di budget dovute ad entrate ridotte, causa chiusura palazzetti e mancanza di sponsor. Maggiori trasferte, quindi, comporterebbero maggiori costi per le società, tra spostamenti, pernottamenti e tamponi obbligatori. Inoltre, come già detto da tutti gli organi federali, la salute dei giocatori e di tutti i membri dei vari staff rappresentano la priorità per la Fiba. Più trasferte, fin dal primo turno, comporterebbero un rischio più alto di potenziali positivi in squadra, con conseguenti slittamenti di partite di coppa e di campionato, andando ad intaccare una situazione già fin troppo precaria.

Tra qualche giorno ne sapremo di più, ma decisioni di questo tipo andavano prese molto prima.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial