Italbasket tra presente e futuro. Ora si punta Tokyo 2021

L’Italbasket dovrà subito mettersi a lavorare per arrivare pronta al preolimpico di fine Giugno

italbasket

Archiviata la pratica qualificazione per Eurobasket 2022, l’Italbasket di coach Meo Sacchetti ora inizierà a concentrarsi per il preolimpico, in programma a fine Giugno. La nazionale azzurra, infatti, per poter partecipare ai giochi olimpici di Tokyo 2021 dovrà vincere il torneo di qualificazione che si giocherà a Belgrado. Un compito non proprio semplice per l’Italbasket, ma neanche impossibile vista la grande quantità di talento, presente e futuro, di cui Sacchetti disporrà.

Il torneo di Belgrado

Come già detto l’Italbasket, a fine giugno, volerà in Serbia, più precisamente a Belgrado, per giocare il preolimpico. Da questo torneo una sola formazione staccherà il pass per le Olimpiadi di Tokyo, evento a cui la maglia azzurra manca dall’argento di Atene 2004. Il preolimpico sarà formato da sei squadre divise in due gironi, da un parte ci saranno Italia, Senegal e Portorico, mentre dall’altra i padroni di casa della Serbia, la Repubblica Domenicana e la Nuova Zelanda. Le prime classificate di ogni girone, poi, si sfideranno per determinare la nazionale vincitrice.

Come si può facilmente immaginare la finalissima sarà quasi sicuramente tra l’Italbasket e la Serbia. Una partita decisamente ostica, visto il talento e la potenza della nazionale balcanica, ma che, nonostante i favori del pronostico, lascia aperta la porta a qualsiasi risultato. Come detto da Roberto Brunamonti in un intervista fatta proprio da Sport-Lab, “possiamo mettere in difficoltà la Serbia così come fatto con la Spagna, poi campione, al Mondiale”.

Italbasket tra presente e futuro

Una cosa è certa, Meo Sacchetti dovrà selezionare in modo accurato i dodici ragazzi che, con la maglia dell’Italbasket, giocheranno il preolimpico. A Giugno, infatti, il coach italiano potrà contare su Gallinari, Melli e Mannion, di ritorno dall’Nba, ma anche su Datome, Polonara, Fontecchio e, forse, Hackett, impegnati con le rispettive squadre in Eurolega. I vari Belinelli, Della Valle, Gentile, Filloy, Spissu, Tessitori, Ricci e Tonut che stanno facendo molto bene con le rispettive squadre. Insieme a loro, però, ci saranno tutti quei giocatori che, nelle qualificazioni per l’Europeo 2022, hanno dato il loro apporto in maniera ottimale.

Oltre a loro, però, ci saranno anche quei giovani in rampa di lancio come Spagnolo, Casarin, Grant, Procida e Banchero. Un gran lavoro per il coach italiano, con un sguardo al futuro perchè “il futuro inizia oggi, non domani.”

Foto: www.fip.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial