LBA 2020-2021, i tre top e i tre flop della quindicesima giornata

Il migliore è Bilan di Sassari, il peggiore è Hunt della Fortitudo Bologna.

Sullo sfondo: Miro Bilan, MVP della 15esima giornata di campionato.

Si è conclusa parzialmente, con i rinvii dei match delle prime due in classifica, la quindicesima giornata del campionato di Serie A maschile di basket. Come ogni giorno-dopo che si rispetti è tempo di pagelle: chi sono i tre top e i tre flop del quindicesimo turno?

Serie A di basket, i tre top

MIRO BILAN (Banco di Sardegna Dinamo Sassari)

Se c’è un giocatore che può strappare il titolo di MVP della prima parte di stagione a Harrison di Brindisi è sicuramente il centro di Pozzecco. Bilan gioca un’altra partita totale contro Cantù, con 27 punti in 34 minuti (senza provarci da 3), 12 rimbalzi e 2 assist. Assolutamente dominante.

MICTHELL WATT (Umana Reyer Venezia)

Venezia risale la china dopo il periodo difficile (sopratutto a causa del covid) e lo fa grazie ad uno dei migliori giocatori. Il centro oro-granata sfodera una prestazione da 22 punti in 24 minuti, con 8 rimbalzi equamente divisi tra attacco e difesa. Bella prestazione di Watt e bella vittoria di Venezia.

MARCO FILIPOVITY (Carpegna Prosciutto Pesaro)

Pesaro conquista le Final Eight battendo 98-88 una mai doma Brescia, grazie, in particolare, alle prestazioni ottime di Filipovity e di Filloy. Per il 35 di Repesa 24 punti in 35 minuti con 6 su 7 da 2 e 3 su 7 da 3, per un 25 totale di valutazione.

Serie A di basket, i tre flop

DARIO HUNT (Lavoropiù Fortitudo Bologna)

L’ex centro di Roma parte in quintetto, senza però mai ingranare. Solo 6 punti in 24 minuti con 2 su 5 da 2 e solo 3 rimbalzi all’attivo. Con una prestazione così sotto le plance non si può sperare di vincere una partita.

TOMAS KYZKLINK (UnaHotels Reggio Emilia)

6 punti in 33 minuti con uno 0 su 4 al tiro da 3 per uno dei miglior men point di Reggio significano, assieme ad altre prestazioni così così, sconfitta. Ne arriva una pesante a Venezia. E arriva il flop di giornata anche per il 77 emiliano.

KENNY CHERY (Germani Basket Brescia)

La prestazione di Brescia, nonostante gli 88 punti segnati, è stata abbastanza incolore. Simbolo di tale grigiore sono sicuramente i due punti in 20 minuti del numero 11, con un solo canestro all’attivo. Poca grinta anche da parte di uno dei più grintosi e dinamici.

Serie A di basket, classifica MVP di sport-lab.it

4 – Harrison (Brindisi)

3Bilan (Sassari)

2 – Scola (Varese), Teodosic (Virtus Bologna)

1 – Willis (Brindisi), Logan (Treviso), Baldasso (Roma), Baldi Rossi (Reggiana), Spissu (Sassari), Hunt (Roma), Henry (Trieste), Bramos (Venezia), J. WilliamsMartin (Trento), Rodriguez (Milano), Douglas (Varese), Procida (Cantù), Katic (Sassari), Perkins (Brindisi), Crawford (Brescia), Taylor (Reggiana), Burnell (Sassari), Roll (Milano), Delfino (Pesaro), Aradori (Fortitudo Bologna), Punter (Milano), Banks (F. Bologna), Tj Williams (Cremona), Tonut (Venezia), Leday (Milano), Watt (Venezia) Filipovity (Pesaro)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial