NBA, Draft 2020: Nico Mannion scelto dai Golden State Warriors alla 48esima chiamata

Nico Mannion, nuovo giocatore Nba, rappresenta uno dei migliori prospetti del basket italiano.

Nico Mannion con Steph Curry: saranno compagni a Golden State [foto @warriors]

Bisogna fare un salto indietro di dodici anni per ritrovare l’ultimo italiano selezionato al Draft Nba. Nel 2008 Danilo Gallinari, chiamato con la sesta scelta dai New York Knicks, chiuse un triennio d’oro per l’Italia. Nel 2006 e nel 2007, infatti, vennero chiamati rispettivamente Andrea Bargnani, alla prima scelta assoluta con i Toronto Raptors, e Marco Belinelli, alla 18esima con i Golden State Warriors. Negli ultimi dodici anni, però, anche altri due italiani sono sbarcati in Nba come free agent. Stiamo parlando di Luigi Datome, acquistato dai Detroit Pistons nel 2013, e di Niccolò Melli che, nella scorsa estate, ha firmato con i New Orleans Pellicans. Chi invece, nonostante la chiamata al Draft del 2014, in Nba non ci ha mai giocato è Alessandro Gentile, scelto alla 53esima dai Minnesota Timberwolves.

Se facciamo un altro passo indietro, tornando negli anni novanta, troviamo altri due giocatori arrivati in America come free agent. Sono Vincenzo Esposito e Stefano Rusconi che, nella stagione 1995/96, vestirono le maglie dei Toronto Raptors, il primo, e dei Phoenix Suns, il secondo. Ancora prima toccò ad Augusto Binelli, nel 1986, e Dino Meneghin, nel 1970, scelti al Draft ma che non giocarono mai in Nba.

Ma ora parliamo di Nico Mannion, scelto alla 48esima chiamata dai Golden State Warriors. Figlio di Pace Mannion, ex giocatore con un lungo passato in Nba e nel nostro paese, e di Gaia Bianchi, ex pallavolista. Nico nasce a Siena il 14 Marzo 2001, ma cresce negli Stati Uniti, dove si trasferisce fin da piccolo con i genitori. Considerato da molti uno dei migliori uno dei migliori playmaker della sua età in circolazione, frequenta la Pennacle High School, una delle migliori scuole in Arizona.

Qui resta per quattro anni, chiudendo la sua ultima stagione con più di trenta punti di media. Nonostante le numerose offerte dai migliori college d’America, Nico decide di rimanere in Arizona, firmando con gli Arizona Wildcats. Nel suo unico anno ai Wildcats, interrotto dalla pandemia, Mannion ha mantenuto una media di 14 punti e 5,3 assist a partita. Ha debuttato con la nazionale maggiore il 1 Luglio 2018, ancora minorenne, nella sconfitta contro l’Olanda per 81-66, mettendo a referto 9 punti e 2 rimbalzi.

A prima vista Nico Mannion non ricorda affatto un giocatore di basket a causa del suo fisico esile. Nonostante i suoi 191 cm di altezza pesa solamente 86 kg. Il gap fisico con gli altri lo rende vulnerabile nella metà campo offensiva, soprattutto nell’attacco al canestro. Gap colmato, però, da una grandissima intelligenza cestistica. Sa creare gioco, sfruttando la sua velocità, e far segnare i suoi compagni, mentre è ancora leggermente carente sul tiro dal palleggio.

Da quest’anno, oltre a Gallinari, Belinelli e Melli, la Nba potrà contare anche su Nico Mannion. Che sia con la maglia dei Warriors o con qualsiasi altra maglia, quello che tutti ci auguriamo è che possa avere successo, perchè “Il segreto del successo nella vita è fare della tua vocazione il tuo divertimento” e in questo Nico ha già vinto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial