Bonansea nella scuderia di Mino Raiola: il procuratore sbarca nel calcio femminile

Uno dei più potenti agenti di calcio maschile fa il suo ingresso nel movimento rosa

Barbara Bonansea, calciatrice italianna [foto @JuventusFCWomen]

C’è sempre una prima volta per tutti. Anche per Mino Raiola, uno dei più potenti procuratori sportivi del momento, che ha deciso di irrompere nell’universo femminile. La sua prima assistita sarà proprio Barbara Bonansea, attaccante della Juventus e punto fermo della Nazionale Italiana.

Così, oltre ad Haaland, Donnarumma, De Ligt e Ibrahimovic l’agente napoletano arricchirà ulteriormente il suo già lauto bottino con le “big” del calcio femminile. Una storica prima volta che, per certi versi, potrebbe dare quella spinta in più al movimento, ultimamente insabbiatosi nelle scorie della pandemia Covid.

Raiola-Bonansea: cosa accadrà?

Un fulmine a ciel sereno, proprio a pochi mesi di distanza dal dichiarato professionismo – programmato per la stagione 2022-23. Eppure l’irruzione improvvisa di Mino Raiola nel calcio femminile italiano non è assolutamente da trascurare.

Specie con il fiuto per gli affari del procuratore, in linea “diretta” con la graduale ma dirompente evoluzione del calcio in rosa. Presto il movimento raggiungerà l’upgrade tanto citato dopo il Mondiale 2019, in attesa degli Europei dell’anno prossimo.

Una “nuova” dimensione sempre più seguita e dal bacino di appassionati sempre più prospero. Un progetto a lungo termine che darà sicuramente i suoi frutti, per il quale però c’è ancora da aspettare. Nel frattempo i rumors di calciomercato non si fermano.

Bonansea-Juve ai saluti?

Bonansea potrebbe lasciare l’Italia e la Juventus. La mancata proroga del contratto, in scadenza a giugno, desta più di qualche sospetto dentro e fuori Vinovo, con la bomber di Pinerolo che compirà 30 anni il 13 giugno.

Dopo aver vinto 3 Scudetti, 1 Coppa Italia e 2 Supercoppe Italiane, è giunto il momento dei saluti? Volendo, potrebbe proprio in questa occasione, magari per giocarsi il tutto per tutto in un club prestigioso. Si vocifera sempre più dell’interessamento del Lione di Vassuer, sette volte vincitrice della Champions League e “capofila” della Ligue 1.

La squadra transalpina, oltre ai trofei più ambiti, porterebbe alla fuoriclasse italiana anche un ingaggio stellare. A differenza di altre realtà, specialmente dello stivale italiano, in netta difficoltà contro lo strapotere delle francesi.

Ma d’altronde, per aggiudicarsi la più forte giocatrice italiana (nell’undici delle più forti calciatrici del 2020 secondo FIFPro), lo scotto da pagare è quello lì.

Agnes de Mille ricorda che “Nessuna tromba squilla quando prendiamo le decisioni importanti della nostra vita. Il destino è silenzioso“. Eppure il futuro di Barbara Bonansea è ancora tutto da scrivere e con Mino Raiola nulla passa mai in sordina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial