Maradona, el gol del siglo e Lucia Guinazu

El gol del siglo di Diego Armando Maradona

El gol del siglo, opera d'arte di Diego Maradona ai Mondiali del 1986 contro l'Inghilterra - Medium

“El gol del siglo” di Diego Armando Maradona in maglia albiceleste e la strepitosa rete di Lucia Guinazu a confronto.

Diego Armando Maradona è morto, ma rimarrà sempre il Dio del calcio. Il più grande giocatore di tutti i tempi in grado di cambiare le vite delle persone.

Dal popolo napoletano a quello argentino, fino all’intera comunità di appassionati del pallone. Con il Napoli e l’Albiceleste ha compiuto gesta epocali che gli hanno permesso di raggiungere da solo il tetto del mondo.

Diego Armando Maradona, il Dio del calcio – Investireoggi.it

Ma la realtà è che Don Diego ha fatto innamorare e sognare un pianeta intero. E continuerà a farlo secondo Zlatan Ibrahimovic “Maradona non è morto, è immortale. Dio ha dato al mondo il miglior giocatore di calcio di tutti i tempi. Vivrà sempre e per sempre”.

In fin dei conti il corpo è morto, ma questo non significa che lo sia anche il suo spirito. L’anima di Don Diego aleggia ancora tra noi, così come il ricordo indelebile di un mito, una leggenda, La Leggenda che non può essere dimenticata.

Commemorare la scomparsa del più grande calciatore di tutti i tempi è un obbligo morale, sebbene i suoi “eccessi” di vita al di fuori del rettangolo di gioco. E l’esempio più calzante è “el gol del siglo”. Accade il 22 giugno 1986, nello stadio Azteca di Città del Messico, in occasione dei quarti di finale di Coppa del Mondo tra Argentina e Inghilterra.

La Mano de Dios – Il Napolista

Un match decisivo e aperto da Maradona al 51′ con la rete dell’1-0, grazie alla famosa “Mano de Dios”: una schiacciata di testa fasulla e una buccia di banana sulla quale arbitro e spettatori sono scivolati.

Per il gol “vero” bisogna attendere quattro minuti, quando un semplice passaggio di Héctor Enrique al capitano si trasforma nell’assist più famoso della storia.

El Pibe de Oro riceve nella propria metà campo, danza sul pallone e sfila via a Hoddle e Reid, dirigendosi verso la porta. In 10 secondi percorre 60 metri, saltando Sansom, Butcher e Fenwick e lasciando sul posto anche il portiere Shilton in uscita, depositando in rete il raddoppio. La partita finisce lì, con il gol di Lineker all’81’ che vale solo il 2-1 e la sconfitta per gli inglesi.

Azione del gol del siglo contro l’Inghilterra allo Stadio Azteca di Città del Messico nel 1986 – Napolicalciolive.com

L’opera d’arte di Maradona è senza precedenti e rimane scolpita nella pietra miliare del calcio. Difficile poter assistere nuovamente ad un’azione così fuori dal comune.

Eppure la rete di Lucia Guinazu ci si avvicina molto. Nel corso dell’ultima sfida di campionato contro l’Independiente la 19enne ha lasciato il pubblico esterrefatto: parte palla al piede da centrocampo, supera un’avversaria dopo l’altra in dribbling e poi segna il destro vincente alle spalle del portiere.

Diego Maradona e Lucia Guinazu si incontrano dopo il gol contro l’Indipendiente – Olé

Tecnica e velocità pura al servizio del suo Gimnasia La Plata. Ma anche un gesto grandioso, tanto da somigliare allo storico gol di Maradona dello Stadio Azteca.

Lo stesso Pibe, quando si è imbattuto nel video circolato in rete, ha riconosciuto: “Che prodezza. Questo si può definire un «gol maradoniano». Hai resistito a un’avversaria, poi due, poi tre e alla fine hai battuto il portiere. Ti faccio le mie congratulazioni”.

El Pibe de Oro con la medaglia tricolore addosso dopo lo Scudetto vinto col Napoli – Il Mattino

Certo, è avventato anche solo pensare di paragonare una giovane calciatrice al più grande mito di sempre. Ma di questi tempi la speranza di poter rivedere un altro miracolo calcistico è più che mai viva.

Specialmente per le generazioni future: “Essere giovani vuol dire tenere aperto l’oblò della speranza, anche quando il mare è cattivo e il cielo si è stancato di essere azzurro” (Bob Dylan).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial