Belle e spavalde: Roma e Inter regalano un pari spettacolo

Finisce 2 a 2 tra giallorossi e nerazzurri.

Un contrasto tra Lorenzo Pellegrini della Roma e Arturo Vidal dell'Inter [foto @OfficialASRoma]

“True perfection has to be imperfect”. Se è vero che i fratelli Gallagher, nella loro “Little by little”, sostenessero la necessità dell’imperfezione per essere perfetti, allora non avevano ancora visto la gara di oggi tra Roma e Inter. Due squadre spavalde e sbavate, capaci di regalare spettacolo nelle smagliature dei loro giochi.

Finisce 2-2 la gara tra i giallorossi e in nerazzurri. I capitolini passano avanti grazie alla rete di Lorenzo Pellegrini, poi tutti a riposo. L’Inter torna feroce e ribalta tutto con la capocciata di Milan Skriniar e l’eurogol di Achraf Hakimi. Sigilla il match sul giusto pari la rete di Gianluca Mancini con un colpo di testa il pareggio finale.

Di certo, quella vista è stata una partita tra due grandi squadre. Per l’Inter era risaputo, vista anche l’esclusione dalle coppe europee. Sulla Roma c’è ancora tanto da lavorare, visti i black out e l’incapacità di vincere gli scontri diretti; eppure i margini di crescita dei giallorossi sono giganteschi, vista la voglia e la ferocia di alcuni attacchi.

I migliori in campo

Chi non avrebbe bisogno di crescere ma ha ancora possibilità di farlo è Gonzalo Villar. Il nuovo metronomo del centrocampo giallorosso detta legge col suo dito e imposta con la classe di un veterano. Un futuro fulgido attende il ragazzo.

Nell’Inter degli esterni brilla, appunto, un esterno. Achfraf Hakimi si mangia la fascia, migliorando in fase difensiva e risultando devastante in attacco. Un gol magistrale, che non è bastato per la vittoria.

Il pari ferma l’Inter nella corsa allo scudetto, con il Milan che si rilassa, momentaneamente, in testa alla classifica. La Roma resta nel limbo tra la lotta scudetto e il piazzamento Champions. Molto uscirà dal derby di venerdì, poi al giro di boa si saprà dove può arrivare la compagine di Paulo Fonseca. Più avanti, per la Roma, sarà la volta dell’Europa League. Viaggi, energie e consapevolezza di poter lottare su tre fronti, vista la Coppa Italia. All’Inter non resta che la lotta al Tricolore. Perdere lo scudetto, dopo essere uscito da tutto, sarà un fallimento. Antonio Conte prepara le fiches per l’all in conclusivo. Sicuramente, sia Roma sia Inter, ci faranno divertire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial