Italia alla ricerca del tempo perduto: i cinque motivi per battere la Bosnia

Vincere contro la Bosnia darebbe ulteriore slancio alle ambizioni azzurre.

La Nazionale festeggia il goal di Jorginho alla Polonia [foto @Vivo_Azzurro]

Il 18 novembre 1922, a causa di una bronchite curata male, morì a Parigi Marcel Proust, scrittore francese conosciuto per la pubblicazione, tra il 1913 e il 1927, del monumentale romanzo Alla ricerca del tempo perduto (“À la recherche du temps perdu“). I sette volumi di cui è costituito abbracciano, con diverse modalità e varie storie, il tema della ricerca di un tempo, interiore o esteriore che sia, che si è perduto; esso è, quindi, legato al passato, ma al contempo è un tempo verso il quale tende il presente.

118 anni dopo, al 18 novembre 2020, l’Italia del CT Roberto Mancini ha la possibilità di recuperare il tempo che ha perduto negli ultimi anni. Uno sguardo al passato, spesso nefasto dopo il Mondiale 2006, per tendere ad un presente nettamente più roseo. Per farlo… basta battere la Bosnia.

Sarebbero cinque, infatti, gli obiettivi che la Nazionale raggiungerebbe vincendo a Zenica contro Pjanic e compagni:

1 – Qualificazione alle Final Four di Nations League

Tanto bistrattata (sopratutto per le attuali tempistiche in cui si sviluppa), ma bella ed importante: la Nations League non merita le critiche ricevute, perché mette di fronte (al posto delle solite inutile amichevoli) partite di alto livello con un trofeo in palio. L’Italia, vincendo contro la Bosnia, si guadagnerebbe la qualificazione alle Final Four della competizione, dove si giocherebbe la Coppa contro Francia, Spagna e una tra Belgio (favorito) e Danimarca.

2 – Final Four di Nations League in Italia

In caso di qualificazione alle Final Four, l’Italia le ospiterebbe. Semifinali il 6 e 7 ottobre (Torino e Milano), finale il 10 probabile a San Siro con Italia, Francia, Spagna e una tra Belgio e Danimarca (sorteggio il 3 dicembre) protagonista. Simil notti magiche, quindi niente male.

3 – Gironi a 5 per la qualificazione ai Mondiali

L’Italia è testa di serie al sorteggio delle qualificazioni al Mondiale 2022 previsto per il 7 dicembre essendo tra le prime 10 europee del ranking Fifa. Con 55 nazionali coinvolte, saranno disegnati 5 gruppi dal 6 nazionali e 5 gruppi da 5; le quattro finaliste sono destinate ai gruppi da 5 per lasciare libere le date della Nations League.

4 – Eventuali play-off per Qatar 2022 assicurati

Oltre alle prime 10 dei diegi gironi, si qualificheranno in Qatar le altre 3 europee (in totale sono 13) che usciranno dal doppio playoff tra le 10 seconde e le 2 “migliori vincenti dei gruppi di Nations non ancora qualificate”. Dunque, se l’Italia non arrivasse prima nel gruppo mondiale (qualificata), e neanche seconda (playoff), avrebbe altissime probabilità di giocarsi comunque i playoff da vincente del gruppo di Nations League di Serie A.

5 – Rientro nella top 10 del Ranking FIFA

L’Italia si gioca con Danimarca e Argentina la possibilità di riconquistare il decimo posto nel ranking Fifa, dal quale manchiamo da agosto 2016.

“Alla ricerca del tempo perduto” di Marcel Proust è entrato nel Guinness dei Primati come il romanzo più lungo del mondo, con circa 9.609.000 caratteri, scritti in 3724 pagine. L’Italia, giunta alle ultime tappe della sua ricerca, potrebbe, da stasera in poi, scrivere nuove pagine da e di record.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial