Nell’uovo di Pasqua nessuna sorpresa

“L’Inter trova lo Scudetto nell’uovo di Pasqua”: sarà vero?

I festeggiamenti di Antonio Conte e Lele Oriali [foto @inter]

I festeggiamenti di Antonio Conte e Lele Oriali [foto @inter]

“L’Inter trova lo Scudetto nell’uovo di Pasqua”. Sarà questo il leit motiv dei commenti sportivi di oggi, giorno di Pasqua – a proposito: auguri a tutti i nostri lettori – e di definitiva fuga per i nerazzurri verso la conquista del Tricolore. La vittoria contro il Bologna, arrivata di misura e in pieno stile Conte, porta, infatti, Lukaku e compagni a +8 sul Milan secondo (bloccato 1-1 dalla Sampdoria) con una partita in meno, da recuperare mercoledì contro il Sassuolo. Un vantaggio che appare, di fatto, realmente incolmabile anche senza il sostegno della matematica.

Dunque, la frase con cui si è aperto questo articolo è vera, ma pecca in un dettaglio logico. Di solito i bambini – ma anche i più grandi, diciamoci la verità – scartano con trepidazione l’uovo di Pasqua per scoprire, nascosto tra la dolce cioccolata, il regalo segreto a loro destinato. Nell’uovo della Serie A 2020-2021, però, la sorpresa non è una vera e propria sorpresa: l’Inter era la favorita per vincere lo Scudetto e l’attuale fuga, resa ancor più netta dalle nuove distanze con le rivali, è solo conferma dei pronostici.

Pronostici confermati con merito

Ciò, comunque, non vuole assolutamente sminuire il lavoro di Conte. Anzi: l’Inter, da quando ha trovato la quadra dopo l’eliminazione dalla Champions League, è una macchina da guerra. Non fa cose straordinarie, ma si limita – nel senso più positivo del verbo – a fare ciò che serve per portare a casa l’obiettivo prefissato: difende con attenzione, gestisce i ritmi delle partite, attacca con potenza. In breve: vince.

9 vittorie consecutive dal derby di Coppa Italia in poi in campionato, con 21 goal segnati, soli 3 subiti e ben 5 clean sheet. Tale striscia è frutto di un lavoro metodico di Conte, che, come sua carriera insegna, dà il meglio di sé quando si tratta di alzare trofei nazionali con uno stile di gioco che – lo ripeto – è perfetto per vincere in Italia; la partita di ieri ne è stata l’ennesimo esempio: il Bologna ha giocato con personalità, ma l’Inter si è sempre difesa con solidità affidandosi alle ripartenze da cui è poi scaturito il goal decisivo di Lukaku. 0-1, tre punti a casa e Scudetto in tasca, senza per forza dover scomodare i mostri sacri del fantomatico “bel gioco” per dare gioia ai propri tifosi.

Numeri e analisi che, dunque, certificano il merito che l’Inter ha di essere lì in alto e di ricevere, in regalo, l’uovo di Pasqua Tricolore del 2021. Nonostante tutti conoscano già la sorpresa al suo interno…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial