Qui finisce l’avventura del signor Bonaventura

Giacomo Bonaventura saluta il Milan tra le lacrime di un San Siro vuoto.

Foto dal profilo Twitter di Matteo Vismara

Milan-Cagliari finisce 3-0. Tutti se ne vanno. Lo stadio resta vuoto, non ci sono neanche più i giocatori. Via le mascherine, tutti negli spogliatoi. Tutti, tranne uno. Jack Bonaventura fa qualche passo lento, a pochi metri dal cerchio di centrocampo. Guarda la tribuna, poi si accascia in posizione fetale. Comincia il pianto.

Giacomo Bonaventura chiude in questo modo la sua carriera al Milan. In maglia rossonera ha trascorso sei anni, mettendo in cascina 155 presenze con trenta reti messe a referto. Ma più dei numeri, conta l’umiltà. Il centrocampista di San Severino Marche è stato tra i giocatori più duttili delle ultime sei stagioni, sacrificandosi spesso per la causa del “Diavolo“.

Ha giocato spesso come interno di centrocampo, ma quando è stato necessario ha ricoperto il ruolo d’ala destra. Avrebbe giocato anche terzino se glielo avessero chiesto, così come si sarebbe messo i guanti per fronteggiare i tiri degli avversari.

Ma la vera dote di Bonaventura è sempre stata l’umiltà. Un grave infortunio l’aveva portato indietro nelle gerarchie rossonere, ma il calciatore non ha mai rilasciato una dichiarazione fuori posto. Nell’universo degli strilloni la sua quiete è pane per gli affamati.

Ha fatto rumore il suo addio silenzioso. Le sue lacrime hanno fatto il giro dei social, in particolare Twitter, dove l’hashtag #Bonaventura è finito in pochi minuti tra i “trend topics”, gli argomenti di tendenza. L’umiltà, nell’epoca dell’iper digitale, continua a fare notizia.

L’addio di Bonaventura, purtroppo, ci lascia con un pugno di mosche in mano. Parafrasando i fumetti di Sergio Tofano: “Qui finisce l’avventura del signor Bonaventura”.

Non è finito il suo amore col pallone, ma quando lasci il Milan qualcosa dentro di te si chiude per sempre. Anche se il cuore di Bonaventura resterà sempre aperto ai lidi rossoneri, come un naufrago che aspetta di essere salvato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial