Serie A, i tre top e i tre flop della ventiduesima giornata

Il migliore è Lukaku dell’Inter, il peggiore è Calhanoglu del Milan.

Sullo sfondo: Romelu Lukaku, MVP della 22esima giornata di campionato

Sullo sfondo: Romelu Lukaku, MVP della 22esima giornata di campionato

Si è conclusa ieri, con il Monday Night tra Hellas Verona e Parma, la terza giornata del girone di ritorno in Serie A. Chi sono stati, dunque, i tre top e i tre flop del 22esimo turno di campionato?

Serie A, i tre top

ROMELU LUKAKU (Inter)

Forza straripante, velocità incontenibile. Con una prova da Hulk, condita da due goal e un assist, l’attaccante dell’Inter si mangia la Lazio portando i nerazzurri per la prima volta in testa alla classifica. Dopo giornate no, sopratutto contro la difesa bianconera, si rifà con gli interessi. E per il derby

ALEX MERET (Napoli)

Tra Veretout e Meret scelgo il secondo, ma non perché il primo non meriti. La scelta sul portiere napoletano cade per difficoltà della sfida e importanza degli interventi, atti a difendere strenuamente l’1 a 0 del Napoli sulla Juventus. Non doveva giocare, sfodera una grande prestazione.

LUIS MURIEL (Atalanta)

Ci sarebbe stato posto per Di Marco del Verona, ma è impossibile tener fuori dal podio di giornata colui che, con un’ennesima perla, ha regalato in extremis la vittoria all’Atalanta in quel di Cagliari. Sempre dalla panchina, sempre spettacolare: che giocatore è Muriel!

Serie A, i tre flop

HAKAN CALHANOGLU (Milan)

Nel Milan che va a picco al “Picco” di La Spezia non brilla nessuno (a parte Donnarumma), ma si evidenzia in negativo la prova del numero 10 rossonero: mai una giocata, mai al posto giusto, offuscato nel posizionamento e nelle idee dai difensori di Italiano. E il Milan ne risente tantissimo.

VLADIMIR GOLEMIC (Crotone)

Dopo un buon primo tempo, nella seconda frazione commette l’ingenuità decisiva: il suo tentativo di rinvio, con Locatelli a proteggere palla in area di rigore, è da penna rossa. Errore evidente e strada spianata al Sassuolo e in salita verso la salvezza per il suo Crotone.

BARTOMEJ DRAGOWSKI (Fiorentina)

Di solito è tra i migliori in campo dei viola, ma stavolta ne combina di cotte e di crude. Sbaglia completamente l’uscita in occasione del gol di Keita, spalancando la porta ed è in evidente ritardo sul gol di Quagliarella, che sembrava parabile. 

La classifica MVP di sport-lab.it

– Ibrahimovic (Milan)

3 – Ilicic (Atalanta)

2 – Mkhitaryan (Roma), Insigne (Napoli), Messias (Crotone), Zaccagni (Hellas Verona), Borja Mayoral (Roma), Destro (Genoa), Lukaku (Inter)

– Lozano (Napoli), Osimehn (Napoli), Belotti (Torino), Caputo (Sassuolo), Cristiano Ronaldo (Juventus), M. Lopez (Sassuolo), Nzola (Spezia), Caicedo (Lazio), Mertens (Napoli), Gervinho (Parma), Hakimi (Inter), Cuadrado (Juventus), Handanovic (Inter), Gollini (Atalanta), Morata (Juventus), Rafael Leao (Milan), Calhanoglu (Milan), Vlahovic (Fiorentina), Zielinski (Napoli), Lautaro Martinez (Inter), Di Marco (Hellas Verona), Audero (Sampdoria), Chiesa (Juventus), Villar (Roma), Terzi (Spezia), Lazzari (Lazio), Barella (Inter), Musso (Udinese), Milinkovic-Savic (Lazio), Chiellini (Juventus), Pandev (Genoa), Meret (Napoli), Muriel (Atalanta)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial