Serie A, i tre top e i tre flop della 29esima giornata

Il migliore è Sanabria del Torino, il peggiore è Theo Hernandez del Milan.

Sullo sfondo: Toni Sanabria, MVP della 28esima giornata di campionato

Sullo sfondo: Toni Sanabria, MVP della 28esima giornata di campionato

Si è conclusa ieri, con un ormai raro svolgimento in una sola data, la decima giornata del girone di ritorno in Serie A. Chi sono stati, dunque, i tre top e i tre flop del 29esimo turno di campionato?

Serie A, i tre top

ANTONIO SANABRIA (Torino)

Due goal contro la Juventus, sopratutto se segnati con la maglia del Torino e durante il derby della Mole, non si scorderanno facilmente e anzi: lo mettono di diritto in cima ai top di giornata. Belotti svaria, lui deve segnare e lo fa di rapina e di tecnica, andando addirittura vicino al terzo goal nel finale di partita.

GIOVANNI DI LORENZO (Napoli)

Non una partita eccelsa in fase difensiva, ma se un terzino di professione mette a referto un goal e un assist va assolutamente premiato tra i top di giornata: bella l’incursione sul goal di Insigne, di pregevole fattura il sinistro che decide la partita contro il Crotone.

ROMELU LUKAKU (Inter)

La sua Inter difende benissimo, poi lui deve prendere il pallone e far salire la squadra oppure spingerlo in rete quando sono gli altri a passarglielo. Contro il Bologna fa entrambe le cose con la solita concretezza: 0-1 e fuga Scudetto ormai concreta (anche) grazie ai suoi goal.

Serie A, i tre flop

THEO HERNANDEZ (Milan)

Avrà fatto carichi di lavoro importantissimi altrimenti non si spiega la brutta partita di ieri, nel quale non riesce quasi mai ad accendere i suoi cavalli. Sembra imbrigliato e il Milan ne risente. Non commentabile l’errore che regala il vantaggio alla Sampdoria.

DEJAN KULUSEVSKI (Juventus)

Sono stato indeciso fino all’ultimo: lui o Szczesny? Alla fine ho optato per lo svedese, anche perché mi sono ricordato di aver capito che fosse in campo solo sul passaggio sbagliato per il successivo goal di Sanabria ad inizio secondo tempo. Partitaccia, si deve svegliare.

RAGNAR KLAVAN (Cagliari)

Non è più un giocatore da Serie A e quest’anno lo si è notato in più di un’occasione. Sbaglia tanto anche contro il Verona, non trovando mai le misure giuste.

La classifica MVP di sport-lab.it

  • Ibrahimovic (Milan)
  • 5 | Lukaku (Inter)
  • 4 | Ilicic (Atalanta)
  • 3 | Insigne (Napoli),  Cristiano Ronaldo (Juventus)
  • 2 | Mkhitaryan (Roma), Messias (Crotone), Zaccagni (Hellas Verona), Borja Mayoral (Roma), Destro (Genoa), Muriel (Atalanta), Lautaro Martinez (Inter), Vlahovic (Fiorentina), Mertens (Napoli)
  • 1 | Lozano (Napoli), Osimehn (Napoli), Belotti (Torino), Caputo (Sassuolo), M. Lopez (Sassuolo), Nzola (Spezia), Caicedo (Lazio), Gervinho (Parma), Hakimi (Inter), Cuadrado (Juventus), Handanovic (Inter), Gollini (Atalanta), Morata (Juventus), Rafael Leao (Milan), Calhanoglu (Milan), Zielinski (Napoli), Di Marco (Hellas Verona), Audero (Sampdoria), Chiesa (Juventus), Villar (Roma), Terzi (Spezia), Lazzari (Lazio), Barella (Inter), Musso (Udinese), Milinkovic (Lazio), Chiellini (Juventus), Pandev (Genoa), Meret (Napoli), Gyasi (Spezia), Tomori (Milan), Sanchez (Inter), Berardi (Sassuolo), Skriniar (Inter), Kessie (Milan), Gaich (Benevento), Scamacca (Genoa), Di Lorenzo (Napoli), Sanabria (Torino)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial