Serie A, i tre top e i tre flop della diciassettesima giornata

Il migliore è Ilicic dell’Atalanta, il peggiore è Handanovic dell’Inter.

Sullo sfondo: Josip Ilicic, MVP della 17esima giornata di campionato.

Si è conclusa ieri, con la disputa del Monday Night tra Spezia e Sampdoria, la diciassettesima giornata di Serie A. Chi sono stati, dunque, i tre top e i tre flop del 17esimo turno di campionato?

Serie A, i tre top

JOSIP ILICIC (Atalanta)

Partita talmente straordinaria da aver bisogno di un pezzo a parte. Ilicic regala magie a Benevento, dominando la partita con giocate di altissima classe, oltre ad un goal, un assist e lo zampino evidente nel secondo vantaggio bergamasco. Quando è in forma diventa praticamente immarcabile.

GONZALO VILLAR (Roma)

Si sta prendendo la Roma a suon delle sue caratteristiche: brilla con la palla tra i piedi e, sopratutto, non la butta mai (tranne quando serve) come piace a Fonseca. Suo l’assist per il definitivo pareggio di Mancini, sua la palma come miglior giocatore del big match di giornata. Talento.

CLAUDIO TERZI (Spezia)

Continua a sorprendere lo Spezia di Italiano. Seconda vittoria consecutiva per i liguri, frutto di una prestazione di discreta tecnicamente e di alta intensità agonistica. Governa tutto il capitano: ottima partita dell’attempato Terzi, sempre perfetto nelle chiusure e nel guidare la squadra alla vittoria.

Serie A, i tre flop

SAMIR HANDANOVIC (Inter)

Non convince. Oltre ai cambi autolesionisti di Conte, l’Inter si butta via a Roma (anche) a causa del suo portiere, praticamente inoperoso sui due goal giallorossi: sul primo non era facile far qualcosa (ma lui resta solo a guardare), sul secondo pare davvero goffo.

PEDRO OBIANG (Sassuolo)

Il Sassuolo gioca una signora partita contro la Juventus nonostante… Obiang. Il centrocampista spagnolo, schierato titolare da De Zerbi, si fa espellere a fine primo tempo per un fallo inutile su Chiesa, lasciando i neroverdi in 10. Ci sarebbe piaciuto vedere un 11 vs 11 per l’intera gara, sarebbe potuta finire in modo diverso…

AMIR RAHMANI (Napoli)

Non è il peggiore in assoluto solo perché il suo Napoli vince e perché ha l’attenuante del non giocare praticamente mai. Il centrale ex Verona, però, ha giocato un primo tempo da incubo a Udine, regalando a Lasagna il goal del pareggio e concedendo un paio di azioni pericolose ai friulani con disattenzioni personali evidenti.

La classifica MVP di sport-lab.it

– Ibrahimovic (Milan)

2 – Mkhitaryan (Roma), Insigne (Napoli), Messias (Crotone), Zaccagni (Hellas Verona), Ilicic (Atalanta)

– Lozano (Napoli), Osimehn (Napoli), Belotti (Torino), Caputo (Sassuolo), Cristiano Ronaldo (Juventus), M. Lopez (Sassuolo), Nzola (Spezia), Caicedo (Lazio), Lukaku (Inter), Mertens (Napoli), Gervinho (Parma), Hakimi (Inter), Cuadrado (Juventus), Handanovic (Inter), Gollini (Atalanta), Destro (Genoa), Morata (Juventus), Rafael Leao (Milan), Calhanoglu (Milan), Vlahovic (Fiorentina), Zielinski (Napoli), Lautaro Martinez (Inter), Di Marco (Hellas Verona), Audero (Sampdoria), Chiesa (Juventus), Villar (Roma), Terzi (Spezia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial