Un Napoli tritatutto umilia l’Atalanta

Il Napoli tritacarne divora la principessa bergamasca.

Foto dal profilo Twitter del Napoli

È bastato un tempo al Napoli per triturare l’Atalanta. Il primo, per la precisione. I primi due fendenti sono quelli del “ChuckyHirving Lozano, che con la sua doppietta conferma il momento di forma fuori dal comune. Poi Matteo Politano mette la sfera sotto l’incrocio e Victor Osimhen realizza il primo gol in Serie A, un gol che da ora in avanti sarà riproposto in tutte le salse nei vari telegiornali sportivi.

Nella seconda frazione il Napoli si prende la classica tisana del 4-0, assopendo il proprio gioco. Lo scotto da pagare è un gol dell’ambidestro Sam Lammers, ma nulla più, perché poi alle velleità di rimonta subentra il realismo di non farcela. Tre punti per il Napoli, polvere per l’Atalanta.

Facile associare tutto questo al caos di qualche giorno fa, chiedendoci cosa sarebbe accaduto se il Napoli si fosse presentato allo Juventus Stadium. Quello visto oggi è nettamente il miglior Napoli di Gattuso, nonché la squadra più in forma della Serie A. Pagata la scelta di restare a Napoli, voluta strategicamente dalla società. Strategia sbagliata.

L’Atalanta, oggi, ha dimenticato di essere bella. Si è specchiata a lungo, ora è caduta nello stagno. Pochi passaggi in verticale, se non quello di Cristian Romero per il gol di Sam Lammers. La nota più bella del pomeriggio è il ritorno di Josip Ilicic, che rialza la testa dopo un periodo complicato. L’augurio è di rivederlo sempre, da ora in avanti.

Manuel Agnelli, leader degli Afterhours, spiegava in merito all’ingresso in un talent come fosse un meccanismo sadico, dicendo “il tritatutto è la vita”. La vita, sinceramente, non so, ma almeno oggi pomeriggio il tritatutto è stato novanta minuti. Napoli roboante, fuori dalla Terra nel pomeriggio del San Paolo. La principessa bergamasca esce con il vestito ridotto a brandelli. Si è dimenticata pure la scarpetta di cristallo e non può tornare indietro. Per lo meno può guardare avanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial