Chi siamo

Così nasce SportLab, figlio del riscatto e della ripartenza. In questi giorni di quarantena, chiusi dentro le nostre case, ci siamo chiesti come faccia lo sport a sopravvivere senza sport. Ci siamo guardati attraverso uno schermo. “Ridiamo cultura allo sport”. Poi la scintilla: SportLab. Ed ecco il nostro manifesto.

Per ora siamo in due, entrambi giovani. Giovani con voglia di restituire nobiltà alla materia sportiva. C’è l’obiettivo di parlare di sport con cultura e della cultura attraverso lo sport.

Per questo ci sono tanti mezzi. La pittura, la letteratura, la musica, il cinema. A volte basta anche una sola frase per diffondere pillole di sapere attraverso una notizia sportiva. Ci saranno gli articoli. I nostri pezzi, come si dice per fare più in fretta. Pezzi vivi, carne sulla griglia, righe che potrete commentare, ribaltare, approvare o confutare. Ci alimenteremo con il dibattito, da voi spinto.

Non basta. Per adattarsi al tempo serve la rete. Ci sarà una sezione dedicata ai video. Abbiamo in mente storie da raccontare, personaggi da narrare e notizie da annunciare con la solita chiave, la cultura. Poi le dirette sui nostri canali social. Ospiti, esperti, artisti con la passione per lo sport.

SportLab, di per sé, vuol dire “Il laboratorio dello sport”. Tutti di pari passo, da quelli di squadra a quelli individuali. Un continuo lavorare con la mente, raccontando i gol, i canestri, gli ace e le schiacciate attraverso l’arte.

Per sintetizzare tutto questo abbiamo scelto l’Ulisse di Dante. L’uomo che sfidò le colonne d’Ercole, intravedendo il Purgatorio. A costo di far richiudere il mare sopra di noi, ci proveremo ogni giorno. Un piccolo adattamento ai nostri intenti. Il verso 119 diventa così:

“Fatti foste a viver come sportivi”

E allora ci proveremo a “seguir virtute e canoscenza”.

Buono SportLab a tutti voi.

La Redazione

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial