L’Italia unita attraverso il Giro: l’edizione 104 parte da Torino

Il Piemonte dà il via e accoglie la 104a edizione del Giro d’Italia.

Foto dal profilo Twitter rowery.org Bicicletta @roweryorg

Lì, dove tutto cominciò, tutto comincia. C’è chi parla di “Grande Bellezza”, ma la scelta della partenza della nuova edizione del Giro d’Italia è da “Grande Partenza”. Torino, pochi passi dalla Mole. Quella che fu la prima capitale dello Stato unitario e unito oggi è la prima tappa del Giro, a 160 anni dall’Unità d’Italia.

Si sceglie Torino per cominciare il nuovo viaggio. Le vie piemontesi pulluleranno di ciclisti, un po’ meno di appassionati a causa della già nota situazione globale. Si parte con una cronometro individuale di 9 chilometri per le vie granata, dove i ciclisti cominceranno da subito a dare il meglio di sé stessi.

Il Piemonte sarà ancora protagonista della 104a edizione del Giro, con la seconda tappa che va da Stupinigi a Novara, per un totale di 173 chilometri, mentre per la terza si prende il via da Biello, con la conclusione a Canale. Il Piemonte tornerà anche verso la fine del Giro, con la 19a tappa che vede l’arrivo sull’Alpe di Mera in Valsesia e il giorno dopo la partenza da Verbania.

Non solo tappe, ma anche protagonisti. Questo giro sarà segnato dalla presenza di Filippo Ganna, Vincenzo Nibali e Egan Bernal. Il primo, soprattutto, è determinato a far bene nelle tappe piemontesi. Lui, nato a Verbania, ultima tappa piemontese, è destinato a far bene e ha un sogno nel cuore, confessato a Gazzetta Tv:

“Sarebbe bello ripartire in maglia rosa e arrivare a Verbania con il rosa addosso. Speriamo, lavoro affinché questo possa accadere”

Così come Ganna tutti lavorano per il meglio, sia per arrivare al meglio sia per correre al meglio. Ma il meglio, come canta Luciano Ligabue, deve ancora venire, sia per i ciclisti sia per gli appassionati. Quando i cuori cominciano a battere e il sangue pulsa più voracemente allora vuol dire che è tempo del Giro d’Italia. Per 104 volte, grazie ciclismo. Per 160, viva l’Italia unita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial