Nibali presenta il suo 2021: obiettivo Giro, poi Tour per preparare Tokyo

Il campione della Trek-Segafredo ha spiegato come sarà articolata la sua stagione.

Vincenzo Nibali, ciclista italiano della Trek-Segafredo [foto @vincenzonibali]

Il 2021 dovrà essere l’anno della rivincita per tutta l’umanità: ci si vuole lasciare alle spalle il Covid e i suoi dolori per poter ricominciare a vivere la quotidianità di sempre. Stessi obiettivi, ma nella più ristretta cornice dello sport, per Vincenzo Nibali, campione italiano di ciclismo.

“La scorsa – ha spiegato il messineseè stata una stagione molto complicata, per tutti non solo per me. Ho cambiato team, biciclette, materiali. E correndo con un calendario così concentrato è stato ancora più difficile adattarsi alle nuove condizioni. Mi è mancata la routine, l’avvicinamento ai grandi appuntamenti e al Giro non sono arrivati al top. Ma non mi piace guardare al passato, bisogna pensare sempre al domani”.

Un domani che dovrà passare, inevitabilmente, dall’efficacia dei vaccini: “Non posso – ammette Nibalidire che vado di corsa a farlo, ma se è sicuro, testato, mi protegge, e aiuta me e la collettività lo farò, su questo non ci sono dubbi”.

Il piano di Nibali per il 2021

Al di là dell’emergenza sanitaria, lo Squalo dello Stretto dovrà poi porre rimedio ad un 2020 sicuramente per lui non esaltante: l’intenzione c’è, il talento anche. E il programma del 2021 tende a confermare questa sua volontà: “Il Giro sarà uno dei miei grandi obiettivi stagionali. Sono convinto di poter tornare almeno a livello del 2019, quando finii appena un minuto e 5 secondi dietro la maglia rosa Carapaz. Al Tour invece andrò a caccia delle tappe, senza nessuna ambizione di classifica. Sapere che ci sarà sicuramente una corsa in cui preparare la forma per Tokyo, anche senza fare classifica, è certamente importante. Classiche? Sono più un corridore da corse a tappe, quindi l’idea di puntare tutto sulle corse di un giorno non è nelle mie corde. Sicuramente ci può essere la partecipazione ad alcune corse interessanti, come la Liegi – Bastogne – Liegi, ma non voglio puntare solo su quelle prove e quest’anno ci sono dei motivi ben saldi per aver fatto questa scelta”.

A 36 anni il vincitore della Milano-Sanremo 2018 ammette di aver cominciato a pensare anche al ritiro: “Una scadenza definitiva non me la sono data. Chiaramente, vista anche la carta d’identità, ci ho iniziato a pensare, ma non ho una data. Le cose possono variare anche in base ai risultati e le motivazioni. Comunque è una decisione che voglio prendere con tranquillità. Può essere un momento di dispiacere, ma potrebbe anche corrispondere con un momento positivo di novità per la mia vita, aprendo una nuova parentesi”.

Il successo è l’abilità di passare da un fallimento all’altro senza perdere l’entusiasmo.

Winston Churchill

Fortunatamente, però, ci sarà ancora del tempo. Dopo le difficoltà del 2020, Vincenzo Nibali ha tutto l’entusiasmo per un 2021 migliore. Potremmo, dunque, godercelo sulle strade ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial