Remco Evenepoel: “Vincerò il Giro d’Italia? Spero di dire di sì il 25 ottobre”

Remco Evenepoel, giovanissimo ciclista belga classe 2000 in forza alla Deceuninck-QuickStep, ha parlato delle sue ambizioni al Giro d’Italia.

Remco Evenepoel ha dalla sua un talento innato, una forza micidiale nelle gambe, una precocità pazzesca. Aggiungete a questa ricetta del giovane ciclista perfetto una buona dose di sfacciataggine, quella sana, quella che ti porta a cercare il massimo senza paura in ogni gara.

Il classe 2000 belga ha, di fatti, tutti gli ingredienti per stupire e, sopratutto, per vincere sin da subito.  “Se vincerò il Giro d’Italia? – ha risposto in una diretta Instagram con la cantante ed attrice belga (di padre italiano) Laura Tesoro. – Sto lavorando per questo. La mia preparazione è interamente in funzione del Giro. Spero di poter rispondere di sì alla tua domanda il 25 ottobre“.

Se ci dovesse riuscire, il ciclista della Deceuninck-QuickStep sfiorerebbe il record di Fausto Coppi (vincitore della Corsa Rosa nel 1940 a 20 anni e 268 giorni).

Remco e la pressione punto di forza

“È incredibile come il tuo fisico e la tua mente reagiscano quando la pressione è spinta al limite. Ti riescono cose che non ti credi capace di poter realizzare.”

Diceva così Tiger Woods, famosissimo golfista americano. Remco potrebbe essere benissimo il destinatario delle sue parole, se non per le ultime: Evenepoel è ben consapevole di poter realizzare le sue ambizioni.

Sarà la voglia di spaccare il mondo di un ventenne, sarà l’assenza di timori reverenziali, sarà la bravura nello gestire le dinamiche del suo carattere:  “Mi capita spesso di avere stress positivo – prosegue il belga Lo stress mi dà motivazione e adrenalina. E questo mi fa andare più veloce in bici. Lo stress negativo non mi ha mai colpito. Neanche durante i grandi eventi, come è emerso lo scorso anno. Ad esempio, in una cronometro (al momento la specialità in cui ha maggiormente brillato, ndr) devi aspettare tutto il giorno per pedalare magari anche solo mezzora. Tutto il giorno ruota intorno a quei trenta minuti. Quindi devi essere in grado di reggere alla pressione. E questo è uno dei miei punti di forza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial