Il pazzo sabato di Hulkenberg: “Alle 11 ero al bar, alle 15 sulla Racing Point”

Il racconto, tramite le parole del protagonista, della giornata incredibile del pilota tedesco.

Nico Hulkenberg con la tuta della Racing Point [foto @hulkhulkenberg]

Vi è mai capitato di star trascorrendo una giornata monotona, tra le solite facce e i soliti impegni? Vi è mai capitato di stravolgerla all’improvviso con un’occasione inaspettata e, per di più, insolita? Qualcosa di tanto pazzo è accaduto ieri, in Formula1.

Ogni momento è un’occasione per dare una svolta!

Eminem

Per info e conferma chiedere a Nico Hulkenberg, pilota tedesco che sostituirà, nel GP delle 15:10 di oggi del Nurburgring, l’ammalato Lance Stroll sulla Racing Point. “Come sto adesso? Mi sento bene, considerando che alle 11 ho avuto un infarto – ha scherzato Hulkenberg dopo il 20esimo posto nelle qualifiche dell’Eifel -. E’ stato più folle dell’altra volta. Ero a Colonia, un’ora di auto da qui. Sarei dovuto venire qui comunque al pomeriggio, dovevo preparare del materiale per domenica con la tv RTL. Ero seduto con un amico a bere caffè quando è suonato il telefono. Era Otmar Szafnauer (team principal della Racing Point), che mi ha detto: “Abbiamo bisogno di te, sbrigati“. Così sono andato”. 

Dopo essersi sottoposto ai test per il coronavirus, con risultato ovviamente negativo, il pilota numero 27 è… “Sono volato in macchina e il resto è storia. Il mio ritorno 2.0 è stato con il batticuore…”. Hulkenberg, così, ha avuto il pass per accedere nella bolla. Un pass stampato all’ultimo, tanto che in piccolo compare la scritta “No access to the starting grid”. Il pass sarà considerato valido, quella scritta… sicuramente no!

Arrivato al paddock verso le 13:30, alle 14 il tedesco si è infilato subito la tuta per calarsi nell’abitacolo e farsi pronto per le qualifiche. Alle 15 è sceso in pista in primo, in modo da consumare più kilometri possibili sulla sua Racing Point visto che non saliva sulla Racing Point dalla gara di Silverstone del 9 agosto, due mesi esatti. Nonostante buone performance, specialmente per uno che quattro ore prima sorseggiava caffè con un amico, Hulkenberg ha chiuso le qualifiche al 20° e ultimo posto, a 4 decimi dal Q2 e una fiduciosa speranza per una domenica che si prospettava totalmente diversa da sfrecciare come un pazzo a 300 kilometri orari per le strade della Germania.

CLICCA sull’immagine per iscriverti al canale TELEGRAM di sport-lab.it: sarai aggiornato in tempo reale su tutte le notizie sportive!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial