Pagelle GP Bahrain: capolavoro Hamilton su Verstappen aiutato dalla Red Bull

Riparte forte la Formula 1 a Sakhir: bella lotta tra Mercedes e Red Bull

Il sorpasso, poi mancato, di Verstappen su Hamilton [foto @f1]

Finalmente si riparte. E non da dove ci eravamo lasciati lo scorso anno con il netto predominio Mercedes. Nel GP di Sakhir è stato subito corpo a corpo tra Red Bull e Mercedes. Uno scontro fino all’ultimo giro tra quelli che si prospettano i veri protagonisti del 2021: Hamilton e Verstappen. Alla fine la sfanga il solito Re Lewis davanti a un velocissimo Max sulla sua Red Bull. Bottas 3o seguito da un grande Lando Norris e da un indemoniato Sergio Perez costretto a partire dalla pit-lane a causa di un mal funzionamento elettrico della sua vettura. Leclerc 6o e Sainz 8o: già un miglioramento rispetto all’anno scorso. Bene anche la McLaren di Ricciardo 7a.

HAMILTON – 9,5

Il Re è tornato. Vince la prima gara della stagione e ottiene il record per il maggior numero di giri condotti in testa. C’è chi lo accusava di vincere solamente perché guidava la macchina più veloce. Oggi non era così ma il risultato non cambia: Lewis porta a casa i primi 25 punti dell’anno.

VERSTAPPEN – 9

È lui il più veloce di tutti. Lo è stato già nei test e nelle prove libere. Ieri grande qualifica in cui ha rifilato quasi 4 decimi a Hamilton. Oggi in lotta sempre con Lewis fino all’ultimo giro. Era riuscito a superarlo ma il team gli impone di restituire la posizione per aver superato i “track limits” di curva 4. Grande prova ma il team può e deve fare di più.

BOTTAS – 6

Il minimo indispensabile per il finlandese. Gara anonima. Non riesce mai a stare al passo dei due davanti. Sfortunato anche nel cambio delle gomme al 31o giro che gli fa perdere 10 secondi e la possibilità di impensierire Verstappen. Ci si aspetta di più da un pilota Mercedes.

NORRIS – 8,5

Il migliore tra i mortali. Non è una sorpresa, Norris è un predestinato. Riesce a finire appena fuori dal podio, 4o conducendo una gara impeccabile. Bella la battaglia con Leclerc al 9o giro. Pilota già completo: forte nei corpo a corpo, veloce in gara e in qualifica. Ha fatto il massimo al volante di un’ottima McLaren in lizza per il 3o posto nel mondiale costruttori insieme alla Ferrari.

PEREZ – 7,5

Gara in salita per Checo a cui si spegne la macchina nel giro di formazione. Costretto a partire dalla pit-lane deve ricostruire la corsa da capo: un’abilità che ci ha fatto vedere di possedere tante volte. È autore di una splendida rimonta che lo porta fino al 5o posto. Un ottimo pilota acquistato dalla Red Bull. Speriamo che sia più fortunato in futuro.

LECLERC – 7,5

Chiude in sesta posizione dietro un indiavolato Perez e davanti a un buonissimo Ricciardo. Bella partenza in cui supera Bottas e si mette provvisoriamente in 3a posizione. Lascerà poi il passo al finlandese su Mercedes e allo straordinario Norris su McLaren. Non poteva fare molto di più.

RICCIARDO – 7

Il pilota australiano si merita un bel 7 in pagella come la sua posizione di arrivo al traguardo. È un ottimo inizio per la sua nuova avventura su McLaren. Si mette a sandwich tra le due Ferrari e guadagna punti importanti in ottica mondiale costruttori. Si prospetta una bella battaglia quest’anno con i piloti Ferrari

SAINZ – 7

È un buonissimo inizio per il pilota spagnolo. Ci ha messo poco a trovare un buon feeling con la macchina. Nelle qualifiche di ieri era anche meglio del suo compagno di squadra fino all’errore decisivo all’ultimo tentativo del Q3 che gli vale solo l’8a posizione sulla griglia di partenza. Alla fine della gara conferma l’8a posizione concludendo appena un secondo dietro Ricciardo. Al 20o giro dimostra tutta la sua maturità e intelligenza quando supera in un colpo solo due campioni del calibro di Vettel e Alonso: non è da tutti. C’è tanto margine di miglioramento ma è un buon esordio.

TSUNODA – 8

Un grande inizio per il pilota giapponese. Forte fin dalle qualifiche al suo primo GP in Formula1, impressionante il 2o tempo in Q1 ieri. Compie due grandi sorpassi su Alonso e su Raikkonen. Il 2000 giapponese, pur essendo un rookie, non sembra avere timore reverenziale nei confronti dei tanti campioni in pista. Non si fa pregare e questo ci piace. Arriva 9o.

STROLL – 6,5

GP difficile per l’Aston Martin che ha avuto problemi tutto il week-end. Il pilota canadese non eccelle ma conquista comunque un punto con la sua 10a posizione. Più che sufficiente la sua gara considerando i valori della nuova macchina in grande difficoltà dopo il taglio del fondo posteriore imposto dal regolamento 2021.

RAIKKONEN – 6

Il primo pilota a non andare a punti. L’Alfa Romeo ha fatto bei progressi dall’anno scorso ma bisognerà tirare fuori qualcosa in più se si vuole arrivare tra i primi 10. Buona gara per Kimi ma niente più che una sufficienza per un pilota del suo calibro.

GIOVINAZZI – 6,5

Un buon week-end per il pilota italiano. Sta dimostrando di essere cresciuto e di avere la stoffa per stare in F1. Ieri è stato più veloce di Kimi in qualifica. Oggi è stato penalizzato dalla strategia della squadra che lo ha richiamato ai box quando si trovava a gareggiare per una posizione a punti e poi da un problema al pit-stop che gli è costato 10 secondi. Sfortunato ma buona gara.

OCON -5,5

Guida una Alpine e non è stato facile oggi. Sempre dietro non riesce a far registrare nulla di interessante. Forse qualcosa di più si poteva fare.

VETTEL – 4,5

Senza dubbio la nota negativa del week-end del GP di Sakhir. Non è facile abituarsi a una nuova monoposto soprattutto se questa non va veloce come ci si aspettava. Ma da un 4 volte campione del mondo ci si aspetta tutta un’altra musica. Rappresentativo della sua gara l’errore in staccata al giro 44 che lo costringe al tamponamento di Ocon. Non da Vettel.

SCHUMACHER – 6

Chiude ultimo in 16a posizione ma guida la Haas, nettamente la macchina più lenta. Il suo compagno di squadra ha avuto difficoltà tutto il week-end ed è uscito per un suo errore al 2o giro. Mick non commette errori se non si considera un testacoda nei primi giri a causa delle gomme troppo fredde. Non poteva certo fare meglio con questa monoposto.

GASLY – 5

Era una grande opportunità questo GP per l’Alpha Tauri che si è dimostrata molto competitiva sul circuito di Sakhir nel corso delle qualifiche. Un contatto con Ricciardo al 4o giro gli causa la perdita dell’ala e lo costringe a ripartire in fondo al gruppo. Si ritira e spreca una grande opportunità.

ALONSO – 7

È amaro il ritorno ai GP di Formula1 del 2 volte campione del mondo Fernando Alonso. La Alpine delude rispetto alle aspettative per il nuovo anno. La stoffa del campione però è rimasta, non ci sono dubbi. Sempre davanti al compagno di squadra fa vedere bei sorpassi e duelli con Vettel. Si ritira per un problema ai freni al 34o giro. Ci farà divertire quest’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial