Ufficiale, Vettel lascerà la Ferrari a fine 2020: “Grazie di tutto”

Ufficiale la separazione consensuale a fine stagione 2020 di Formula1 tra Sebastian Vettel e la Ferrari.

(da @scuderiaferrari)

Arrivederci, dammi la mano e sorridi, senza piangere
arrivederci, esco dalla tua vita, salutiamoci
arrivederci, questo sarà l’addio, ma non pensiamoci
con una stretta di mano da buoni amici sinceri

ci sorridiamo per dirci: arrivederci

Le parole di Alberto Bindi, nella sua storica canzone interpretata anche da Mina, sembrano perfette per sintetizzare al meglio il saluto tra Sebastian Vettel e la Ferrari, che si concretizzerà a fine stagione 2020.

Dopo le indiscrezioni arrivate nella notte dalla Germania, in mattinata è giunta l’ufficialità: “Abbiamo – spiega il team manager del Cavallino Mattia Binotto preso questa decisione insieme a Sebastian e riteniamo che sia la miglior soluzione per entrambe le parti. Non è stato un passo facile da compiere, considerato il valore di Sebastian, come pilota e come persona. Non c’è stato un motivo specifico che ha determinato questa decisione bensì la comune e amichevole constatazione che è arrivato il momento di proseguire il nostro cammino su strade diverse per inseguire i nostri rispettivi obiettivi. A nome di tutta la Ferrari voglio ringraziare Sebastian per la sua grande professionalità e l’umanità dimostrate in questi cinque anni, nei quali abbiamo condiviso tanti momenti importanti. Insieme non siamo ancora riusciti a vincere un titolo iridato che per lui sarebbe il quinto ma siamo convinti che in questa anomala stagione 2020 riusciremo a toglierci ancora tante soddisfazioni”.

Vettel è un campione, senza se e senza ma

Vettel è un campione – ne siamo tutti consapevoli – capace di far correre in pista, sopratutto nei primi anni, un Cavallino più che zoppicante. Nessuno mette in dubbio l’estrema professionalità del pilota, accompagnata da un talento precoce mostrato anche alla guida della Ferrari. Nessuno può dimenticare i ringraziamenti in italiano a fine gara e le urla felici dal suo abitacolo, frutto di una voce sincera, emozionata e riconoscente per tutto ciò che è il mondo Ferrari.

Nelle ultime due annate in Rosso, però, il pilota tedesco ha palesato qualche limite caratteriale, messo ancor più in crisi dal folgorante arrivo nello stesso box di Charles Leclerc. Una perdita di lucidità in pista, in contrasto con l’avanzare degli anni, ma certamente legittima nella vita di un uomo abituato al limite. La separazione, dunque, era inevitabile: “In questo sport – scrive Vettelper riuscire ad ottenere il massimo bisogna essere in perfetta sintonia ed io e la squadra abbiamo realizzato che non esiste più una volontà comune di proseguire insieme oltre la fine di questo campionato. In questa comune decisione non entrano in alcun modo in gioco aspetti economici: non è il mio modo di ragionare quando si fanno certe scelte e non lo sarà mai. Quello che è accaduto in questi ultimi mesi ha portato tanti di noi a fare delle riflessioni su quelle che sono davvero le priorità della vita: c’è bisogno di immaginazione e di avere un nuovo approccio a una situazione che è mutata. Io stesso mi prenderò il tempo necessario per riflettere su cosa sia realmente essenziale per il mio futuro. La Scuderia Ferrari ha un posto speciale nella Formula 1 e le auguro tutto il successo che merita. Infine, voglio ringraziare tutta la famiglia Ferrari e, soprattutto, i suoi tifosi sparsi in tutto il mondo per il sostegno che mi hanno dato in questi anni. Il mio immediato obiettivo sarà quello di chiudere nella miglior maniera possibile questa lunga storia con la Ferrari cercando di condividere insieme ancora dei bei momenti, come i tanti già vissuti in passato”.

Si, caro Seb. Dacci la mano e sorridi, non piangere. Uscirai dalla nostra vita, ma resteremo – come sempre – amici sinceri. Facci sorridere ancora un altro anno in pista. E poi, arrivederci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial