Presentata la nuova moto di Morbidelli e Rossi: sarà la YZR M1 2021

Il 1° marzo è stata svelata la nuova moto del team Petronas Yamaha SRT che sarà guidata dai due piloti italiani

Valentino Rossi e Franco Morbidelli in sella alla nuova YZR M1 2021 del team Petronas Yamaha SRT

Il 1° marzo è stata svelata la nuova moto del team Petronas Yamaha SRT che sarà guidata dai due piloti italiani

Si scaldano i motori, la stagione si avvicina. Il 1° marzo è stato alzato il velo sulla livrea della nuova moto del team Petronas Yamaha SRT. Una delle squadre più attese del 2021 per due motivi: l’elevato potenziale della due-ruote (arrivata 2a in classifica generale lo scorso anno) e la nuova coppia tutta tricolore formata da Franco Morbidelli e Valentino Rossi. I due amici saranno avversari e divideranno il box con l’auspicio che questa coabitazione si riveli uno stimolo per entrambi e che li spinga verso traguardi importanti.

Il 9 volte iridato, alla sua ventiduesima stagione in moto GP, è pronto per la nuova avventura in tuta verde acqua dopo i 15 anni nel team Factory Yamaha. Guiderà una M1 ufficiale in virtù della sua grande esperienza e del suo talento. L’amico e nuovo compagno Franco Morbidelli invece si dovrà accontentare di una M1 Spec-A con la vecchia configurazione ma aggiornata. Non per forza uno svantaggio considerando l’ottimo risultato raggiunto lo scorso anno proprio su una moto non ufficiale.

“Vogliamo arrivare primi”

Nel lungo video di presentazione che ha ripercorso i successi del team nel motomondiale la scena è stata presa da Razlan Razali, il Team Principal della squadra malese. La scorsa stagione è andata al di là di ogni aspettativa con il secondo posto di Morbidelli in classifica e la vittoria di sei GP. Ma non c’è voglia di cullarsi sugli allori. I nuovi obiettivi sono sempre più grandi e secondo Razali non ci sono limiti che non possano essere raggiunti, anche quello di vincere il mondiale.

“Siamo orgogliosi di rappresentare la Malesia e Petronas sul palcoscenico mondiale in MotoGP per la terza stagione come Petronas Yamaha Sepang Racing Team. Non vediamo l’ora che arrivi la stagione, desiderosi di dare a Franco e Valentino la migliore opportunità. […] Yamaha è stata di grande supporto dal primo giorno, crede fortemente in noi. Nel 2020 abbiamo sfiorato il titolo, nel 2021 abbiamo un obiettivo comune: vogliamo fare ancora meglio, vogliamo arrivare primi“.

In seguito il direttore del team, Johan Stigefelt, ha posto l’accento sul grande capitale sportivo a disposizione della squadra rappresentato dalle coppie di piloti che correranno in tutte le categorie.

“Abbiamo ottenuto ottimi risultati in MotoGP nelle nostre prime due stagioni ma di certo non siamo stati perfetti. Durante la pausa abbiamo mirato a miglioramenti su tutta la linea. Guardando i nostri piloti di tutte le categorie, il potenziale è enorme poiché siamo forti in ogni classe. I nostri obiettivi sono più alti di prima, ma lo è anche il nostro potenziale”.

La collaborazione con Petronas

Il 2021 sarà anche il terzo anno di Petronas come sponsor principale della squadra. Gli straordinari risultati ottenuti in soli due anni, a cominciare dai sei successi in moto GP del 2020, sono certamente dovuti anche alle Fluid Technology Solutions della compagnia energetica malese. Ne ha parlato il senior general manager di Petronas Datin Anita Azrina.

“La nostra partnership tecnica con SRT ha notevolmente migliorato le nostre capacità di ricerca e sviluppo nell’area delle soluzioni di tecnologia dei fluidi. Siamo orgogliosi di affermare che le nostre formulazioni sono state fondamentali per il successo del PSRT nel campionato del mondo. Abbiamo visto PSRT aggiudicarsi il premio MotoGP Best Independent Team 2019 e 2020, mentre Franco è diventato il vice campione MotoGP 2020. […] In Petronas continueremo a supportare il team attraverso le nostre soluzioni per la tecnologia dei fluidi e possiamo continuare a spostare i confini insieme

La coppia perfetta

Nonostante un team ambizioso e promettente l‘attesa più grande è per la nuova coppia di piloti. Rossi e Morbidelli non hanno mai nascosto di essere grandi amici prima che rivali in pista.

Morbido è stato uno dei primi allievi della VR46 Riders Academy del campione di Tavullia che lo ha formato e supportato durante tutta la sua carriera. Per il pilota romano il Dottore è stato un maestro e un faro di guida fin da quando era molto piccolo. E tutti questi anni non hanno fatto altro che accrescere la loro amicizia.

Normale poi che arrivati nella stessa categoria e nello stesso team le cose cambino. In pista, si sa, non ci sono amici ma solo rivali e l’unica cosa che conta è mettere le ruote davanti agli altri. Ma l’amicizia vera, solida e profonda può aiutare anche in questa particolare dimensione sportiva.

L’amicizia raddoppia le gioie e divide le angosce

Francis Bacon

Come suggeriva il filosofo inglese il legame tra i due li può aiutare a dividere i pesi e a condividere i successi. E a giudicare dal rapporto di sincera amicizia e affetto che li lega è quello che ci si aspetta.

Un ambiente più leggero

L’ormai 42enne Valentino si dice entusiasta della nuova avventura che lo attende. Il nuovo ambiente, sicuramente meno pesante rispetto al team Yamaha Factory, può aiutare Vale a ritrovare quella serenità e quella sicurezza che lo hanno reso il pilota più veloce di sempre. Il tutto considerando che correrà in un team esperto, strutturato, forte economicamente e con ottimi tecnici.

“‘Sono molto orgoglioso di far parte del Petronas Yamaha SRT, è una nuova sfida per me. Questa è una squadra molto giovane ma negli ultimi due anni è stata subito competitiva.  Sono felice di vedere la mia nuova moto, mi piacciono molto i colori della livrea, della tuta e del casco, è tutto fantastico. I miei obiettivi per il 2021 sono essere competitivo, lottare per vincere gare e tornare sul podio, ma anche lottare per una buona posizione in classifica a fine anno. Siamo tutti molto concentrati per fare il meglio possibile“.

La grinta di Franky

E poi c’è Morbido: il vice campione del mondo 2020 al suo terzo anno con il team Petronas. Ormai ha raggiunto una confidenza con la moto e con la squadra che lo rendono una certezza per il campionato. È maturo e pronto a giocarsi le sue chances di vincere il titolo. Si dice stimolato dall’autorevole compagno di squadra e deciso a fare meglio dell’anno scorso.

Questo sarà il mio terzo anno con il team e ci sono molte cose che mi piace nel guidare per Petronas Yamaha SRT. La livrea della YZR-M1 2021 è simile a quella degli ultimi due anni ma con qualche piccolo ritocco, è uguale e diversa allo stesso tempo perciò mi piace. Ciò che è cambiato negli ultimi anni è il mio compagno di squadra. Mi aspetto e spero che sarà una grande stagione per Vale e per me, abbiamo una relazione forte da molti anni, impareremo ancora di più l’uno dall’altro. Il mio obiettivo personale per il 2021 è migliorare, migliorare me stesso come persona, pilota e atleta. […]  Sarà questo il mio obiettivo, essere migliore anno dopo anno”.

Ci si aspetta una stagione migliore dell’anno scorso per il team Petronas: vedremo dove arriverà questa giovane-vecchia coppia di amici-rivali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial