I 600 giorni di Andy Murray: la vittoria del tennista infinito

La vittoria di Andy Murray è un’altra pagina impensabile del tennista britannico

Immagine dal profilo Twitter di Andy Murray (@andy_murray)

C’è chi, come Jules Verne, ci impiega ottanta giorni per girare il mondo. Chi invece, come Gabriel Garcia Marquez, vive cent’anni di solitudine. Nel nostro tempo c’è chi aspetta 600 giorni sulla riva del fiume, per poi fare l’assalto decisivo verso la preda. Andy Murray è il tennista “shaolin“, capace di vincere tempo, corpo e caducità del cuore.

Il teatro della rinascita è il palco degli Us Open a New York, dove Murray realizza un’altra impresa. Quasi due anni di assenza, nella percezione di tutti, sono passati in un attimo, come lo sbatter d’ali di un colibrì. Ringiovaniamo insieme con Andy, l’unico capace di fronteggiare la triade Djokovic-Federer-Nadal, in rigoroso ordine alfabetico.

Contro Yoshihito Nishioka, numero 49 nel ranking ATP e di nove anni più giovane rispetto al britannico, Murray ha estrapolato dal cappellino un coniglio niente male. Certo, la differenza anagrafica si è fatta sentire. Il giapponese, per lunghi tratti della tenzone, ha messo a dura prova la tenuta fisica dell’avversario, ma alla fine ha ceduto ai colpi dell’ex vincitore degli Us Open.

Due 4-6, poi la rabbia. Si va sul 2-1 con un 7-6 al tie break, in parità col medesimo score e poi 6-4. Rimonta leggendaria per Murray, in un match durato quasi cinque ore. Quattro ore e trentanove minuti, per essere precisi. Un’epopea, vinta col sudore da Murray e persa con onore da Nishioka.

“Non so quanti avrebbero creduto sarei tornato a vincere così”

Le parole di Murray sono chiare e l’affermazione, forse, è retorica. Nessuno, neanche il fan più ottimista, si sarebbe mai immaginato un ritorno simile. Tuonante, silenzioso e ondivago, Murray ha vinto la lotta contro il tempo.

Ora la sua carriera e il suo torneo va avanti. Poco importa se finirà la competizione, Andy Murray la sua pagina l’ha scritta. Un’altra, bellissima, pagina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial