Internazionali, Djokovic è tornato: quinto trionfo a Roma e assalto a Parigi

Novak Djokovic ha vinto gli Internazionali BNL d'Italia [foto @djokernole]

Erano passati cinque anni dall’ultimo successo di Novak Djokovic agli Internazionali di Roma. Troppi per il serbo, abituato a vincere ogni torneo a cui partecipa. Così lunedi sera al Foro Italico, sul campo centrale, davanti ai mille spettatori che, grazie alle nuove regole anti-covid, hanno potuto assistere al match, il numero uno del mondo conquista per la quinta volta, l’ultima nel 2015, il Masters 1000 di Roma.

Il diciotto volte campione Slam, da signor Hyde è tornato ad essere dottor Jekyll, volendo fare una metafora ispirandoci al racconto di Robert Louis Stevenson. La versione del tennista nervoso e “suicida” degli Us Open che lascia il posto a quella più calma e concentrata scesa in campo sulla terra rossa degli Internazionali.

Nole, prima gli Internazionali poi il Roland Garros


Serviva tanto questa vittoria, più all’uomo che al tennista, e probabilmente Nole la desiderava più di altre volte, nonostante non si trattasse di uno Slam. Djokovic, dopo le critiche ricevute per aver organizzato l’Adria Tour diventato un focolaio, per aver deciso di creare un’associazione di tennisti che sostituisse l’ATP e infine per essere stato squalificato agli Us Open, sentiva l’esigenza di dimostrare ancora una volta chi era il più forte. Far capire a tutti che l’unico limite che può incontrare verso il successo è rappresentato da sè stesso. In fin dei conti, tolta la sfortunata vicenda di New York, il serbo ha sempre vinto ogni torneo a cui ha partecipato.

Ma il successo in terra italiana, non basterà a sedare la sua sete di vittorie. Sarà solo l’antipasto per il prossimo slam. Fra una settimana inizia il Roland Garros, casa di Rafa Nadal, il campione in carica che va caccia del tredicesimo successo a Parigi. Djokovic sulla carta è il secondo favorito dietro lo spagnolo, ma occhio a Dominic Thiem, neo vincitore Slam grazie al successo di Flushing Meadows e finalista delle due ultime edizioni del Roland Garros.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial